lunedì 31 ottobre 2011

L'AVIS a Trapani raccontata dal suo Presidente provinciale

Giuseppe Bivona descrive la realtà dell'AVIS trapanese attraverso le pagine del n. 3/2011 del quadrimestrale della Banca Don Rizzo. Qui sotto il link per leggere l'articolo di Nicola La Rocca.

L'AVIS in provincia di Trapani (BDR 3_2011)

Da Telefono Amico una radiografia del disagio in Italia

Disagio emotivo sempre più su. Lo conferma uno studio di AstraRicerche basato sull’analisi dei dati dell’“Osservatorio sul disagio emotivo” di Telefono Amico Italia La ricerca ha passato in rassegna più di 106.500 telefonate giunte nel 2010 (di cui ben 12.000 dal Telefono Amico di Palermo) all’associazione che offre aiuto telefonico a persone in particolare disagio emotivo.
Nel corso del 2010, i 700 volontari sparsi nei 21 Centri in Italia hanno ricevuto al Numero Unico Nazionale (199.284.284) 106.556 telefonate (292 al giorno, 20,9 all’ora), nella fascia oraria coperta dal servizio (10-24). Dall’analisi delle chiamate emerge che la crisi ha reso gli italiani non solo più poveri e con meno occupazione ma anche con meno speranze, con meno dichiarati problemi di salute e sentimentali, con molto più disagio (a volte disperato) connesso alla solitudine, alla mancanza di ascolto e di empatia.
“Anche quest’anno, con l’aiuto fondamentale e preziosissimo del Prof. Enrico Finzi, Telefono Amico Italia rende pubblici i dati (puramente statistici) relativi al servizio svolto dai volontari in ambito nazionale, che costituiscono l’ossatura dell’“Osservatorio sul Disagio Emotivo” – dichiara Dario Briccola, presidente di Telefono Amico Italia -. L’osservatorio, attivo da quattro anni, è interamente dedicato allo studio di questo fenomeno in Italia, attraverso il nostro ruolo di interlocutori privilegiati sulla solitudine e sul disagio emotivo, mediante il sevizio d’ascolto telefonico. Offriamo un orecchio partecipe (e non impositivo) per aiutare a rendere più lieve il dramma di chi non ha scelto di essere solo. Abbiamo la convinzione che una società dell’ascolto, della comunicazione e dell’apertura all’altro possa portare a una società più umana e quindi moralmente più ricca e più felice”.
"Abbiamo analizzato oltre un milione di schede (anonime) relative alle chiamate degli ultimi 12 anni a Telefono Amico Italia – sottolinea Enrico Finzi, sociologo e presidente di AstraRicerche -. Dall’analisi dei dati relativi al 2010 siamo rimasti colpiti da quanto le difficoltà materiali di tanti italiani abbiano inciso anche sul loro disagio emozionale, aggravando il loro drammatico senso di isolamento. Sarebbe un errore sottovalutare queste conseguenze relazionali e psicologiche della crisi, il suo costo sociale in termini di infelicità".
Nel dettaglio, lo studio delle telefonate ricevute da Telefono Amico Italia (TAI) – l’organizzazione di volontariato che dal 1967 offre un servizio di ascolto a chiunque provi solitudine, angoscia, tristezza, sconforto, rabbia e disagio: tutti sentimenti che se non risolti potrebbero portare a gravi crisi e talvolta anche ad atti estremi – evidenzia che nel 2010 hanno telefonato maggiormente gli uomini (66,9%). Calano quindi le donne, in quanto avvertono meno disagio emozionale, e/o sono più fornite di una rete di relazione e di sostegno.
Per quel che riguarda l’età, si nota che coloro cha hanno tra i 36 e i 45 anni sono il 29,4% del totale degli appellanti (chi telefona a TAI), e coloro che hanno dai 46 ai 55 anni ammontano al 23,2%. In generale la fascia di età “centrale”, che va dai 36 ai 55 anni, registra quasi il 53% del totale delle telefonate.
Il 55% di chi si avvale del servizio telefonico di TAI sono studenti, casalinghe, pensionati e disoccupati. Mentre, relativamente alla composizione del nucleo familiare si nota che le telefonate provenienti da chi vive da solo sono tornate a crescere nel 2010, restando maggioritari (52,9%). Si nota, altresì, un bisogno di ascolto di coloro che vivono con un partner (9,3%, in incremento) oppure con famigliari e – raramente- amici (37,8%, in calo) a conferma del fatto che il disagio emozionale senza avere qualcuno “vicino” a cui rivolgersi si annida spesso tra coloro che, per convivenza e/o lavoro, in teoria dovrebbero essere immersi in un fitto reticolo di relazioni interpersonali: un fenomeno questo in netta crescita di lungo periodo.
I motivi per i quali ci si rivolge all’associazione sono: il bisogno di compagnia e la solitudine (32%), la sessualità (21%), infermità psichica e/o fisica (inclusa la depressione: 13%). Quindi i problemi sentimentali e di coppia (8%) e quelli familiari e parentali (7%).
Dal 2007 al 2010 è cresciuto il mix di bisogno di compagnia e di solitudine (dal 26% al 32%). Appaiono stabili le aree dei problemi familiari e parentali (7%), dei “nodi” filosofici/etici/esistenziali/religiosi (7%) e di quelli sociali/politici (2%). E’ diminuito dal 22% al 21% il disagio connesso alla sessualità, e i problemi sentimentali e di coppia (dal 9% all’8%). Sono calate le infermità sia fisiche sia psichiche (dal 30% al 20%).
Infine, ammontano a oltre 500 le persone che hanno contattato TAI annunciando di aver già attivato un tentativo di suicidio o di averne intenzione.

domenica 30 ottobre 2011

Il CoAsAn sui ritardi INPS a proposito di invalidità e indennità di accompagnamento

Il Coordinamento delle Associazioni per gli Anziani di Palermo interviene sugli intoppi che bloccano in Sicilia il riconoscimento delle invalidità e dei relativi indennizzi. La presa di posizione in un articolo de La Sicilia - supplemento Mondo Lavoro che riportiamo qui sotto.

La Sicilia - Mondo Lavoro 30ott11 p. 23

sabato 29 ottobre 2011

I 75 Centri di Servizio di volontariato che aderiscono al coordinamento nazionale CSVnet hanno rinnovato il direttivo

Nuovo direttivo per CSVnet. Il Coordinamento nazionale dei Centri di Servizio per il Volontariato rinnova le proprie cariche sociali. L'assemblea dei 75 Centri che ne fanno parte ha eletto il Consiglio direttivo che si riunirà ai primi di novembre per eleggere il presidente. Fra i neoeletti anche Giuditta Petrillo, vicepresidente del CeSVoP. A lei i migliori auguri di buon lavoro. Qui sotto l'articolo di Vita online che riporta la notizia con tutti i dettagli.

Eletti 36 rappresentanti che si riuniranno il 4 e 5 novembre per eleggere il presidente di CSVnet
Nuovo Consiglio direttivo per il CSVnet. L’assemblea ha eletto, sabato 22 ottobre 36 rappresentanti provenienti dai Csv di tutte le regioni italiane.
Nominati anche i tre componenti del Collegio dei Garanti e i cinque Revisori dei Conti.
La nuova governance di CSVnet resterà in carica per tre anni con il compito di coordinare le azioni del sistema dei CSV: 75 su 78 in tutta Italia sono i Centri di Servizio per il Volontariato che fanno parte di CSVnet, con una rete complessiva che raccoglie oltre 20mila organizzazioni di volontariato.
Il nuovo Consiglio si riunirà i prossimi 4 e 5 novembre, a Roma, per eleggere il presidente di CSVnet.
Questi gli eletti al Consiglio Direttivo:
Silvia Elena Berlati; Giancarlo Billi; Elisabetta Bonagiunti; Simone Giovanni Bucchi; Giorgio Casagranda; Gennaro Castaldi; Francesca Coleti; Luigi Conte; Maria Rita Dal Molin; Antonio D'Alessandro; Francesca Danese; Luciano De Matteis; Genesio Adamo De Stefano; Giuseppe De Stefano; Ermanno Di Bonaventura; Mariangela Fantin; Gianpiero Farru; Luciano Franchi; Rosa Franco; Pasquale Lacagnina; Silvio Magliano; Antonio Mantineo; Pasquale Marchese; Enrico Marcolini; Giuseppe Miscione; Adriana Mostarda; Giuseppe Perpiglia; Giuditta Petrillo; Patrizio Petrucci; Andrea Pistono; Renzo Razzano; Carmelo Scravaglieri; Luciano Squillaci; Pierluigi Stefani; Stefano Tabò; Luigino Vallet.
Fanno parte del Collegio dei Garanti: Maria Antonia Brigida; Pino Staffa; Gianvito Pappalepore.
Mentre per il Collegio Revisori dei Conti sono stati eletti: Rosina De Luca, Domenico Iacometta; Gianluca Mezzasoma; (Supplenti) Piero Petrecca; Antonio Quarta. (da vita.it 24ott11)

Attenzione alla comunicazione ambigua ed ingannevole "Avron s.r.o."

Al CeSVoP è pervenuta da parte di un'organizzazione di volontariato, ma è la notizia è pure diffusa sul WEB, copia di una lettera ricevuta da Avron - Registro del Mercato Nazionale, una società con sede legale a Bratislava, in cui è richiesto l'aggiornamento dei dati del destinatario presso il registro di cui sopra.
Si tratta di una lettera ambigua e ingannevole che potrebbe far pensare a qualche adempimento collegato al Censimento 2011, invece come precisato in calce, quasi a voler simulare la parte relativa alla legge sulla privacy e sul trattemento dei dati personali, si tratta di un contratto commerciale triennale, al prezzo di € 1.271 l’anno.

venerdì 28 ottobre 2011

Corso per volontari organizzato dall'ASP 9 di Trapani

L'Azienda sanitaria provinciale di Trapani ha riaperto i termini del bando per la selezione di 60 volontari delle organizzazioni di volontariato per partecipare a un corso di formazione
Il corso, riguarderà l’educazione del paziente con patologia di lungo termine e del caregiver. Avrà la durata di 112 ore complessive, articolate in attività d’aula e tirocinio. Le associazioni di volontariato interessate possono presentare la richiesta di partecipazione entro il prossimo 4 novembre, secondo le modalità indicate nel bando. Le associazioni che già hanno prodotto istanza possono integrare il numero dei partecipanti.
Per consultare il bando e scaricare i moduli: www.asptrapani.it (alla sezione bandi e avvisi). (chiara damiano)

Basta con gli sprechi! Da Palermo una protesta per recuperare un asilo abbandonato

Restituire l’asilo al quartiere. Questo è lo scopo del sit-in organizzato per domenica 30 ottobre dall’associazione di volontariato «Il Genio di Palermo». All’insegna dello slogan «Basta sprechi! Date l’asilo ai nostri figli», l’associazione propone ai cittadini del quartiere palermitano Uditore di ritrovarsi in piazza per chiedere l’apertura dell’asilo di Via Tiepolo. Costruito e abbandonato da più di un decennio, è diventato ormai rifugio per barboni e cani randagi, in un contesto in cui le famiglie hanno grande bisogno di asili e scuole pubbliche efficienti e sempre più funzionanti. Per questo, «Il Genio di Palermo» invita a venire domenica 30 ottobre dalle ore 9 alle 13 in Piazza S. Alfonso de’ Liguori (meglio conosciuta come Piazza Uditore) per far sentire la propria voce e per esprimere come abitanti la propria voglia di un quartiere migliore e di una nuova Palermo: senza sprechi, né edifici pubblici abbandonati e servizi carenti. In concreto, i volontari installeranno un gazebo sul marciapiede accanto alla chiesa e chiederanno alle famiglie se vogliono aderire al Comitato civico «Salviamo l'asilo di via G. B. Tiepolo».
Per info: Stefano - tf. 3208309183

mercoledì 26 ottobre 2011

Corso di lingua per immigrati a Palermo

L'associazione Erripa Achille Grandi organizza un corso di lingua italiana per immigrati, strutturato su 2 livelli, A1 (conoscenze linguistiche di base) e A2 (a cui è subordinato il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo). Il corso si sviluppa in 120 ore (60+60) più 16 ore per lo sviluppo di conoscenze di base della cultura e dell'educazione civica italiane. Per favorire la partecipazione femminile, è previsto un servizio di "animazione" per bambini. Le iscrizioni sono aperte.
Per info rivolgersi all'associazione Erripa Achille Grandi, via Benedetto Castiglia, 8, Palermo, o telefonare allo 091.331900 e chiedere della signora Emilia Napoli.
Il progetto è finanziato dalla Regione Siciliana, Assessorato della Famiglia, Politiche sociali e Lavoro, Dip. Lavoro, serv. II, Emigrazione ed Immigrazione, a valere sull'avviso pubblico n. 1 del 4 maggio 2011.

A Bagheria (PA) nuova sede di “Telefono azzurro”

Si trova presso l'istituto comprensivo “don G. Puglisi” ed è dedicata alla memoria di Valentina Bruno la nuova sede di “Telefono azzurro” a Bagheria. L'iniziativa suggella il comune accordo da parte della scuola Puglisi e dei volontari del telefono azzurro, di preservare il diritto di essere bambini. All'inaugurazione hanno preso parte gli alunni della scuola primaria e della scuola dell'infanzia che con i loro festeggiamenti hanno animato il varo della nuova sede. Presenti all'inaugurazione, tra gli altri, anche il preside della scuola, Sergio Picciurro, Daniela Raineri, referente linee d’ascolto della sede di Palermo del “Telefono azzurro”, il sindaco di Bagheria, Enzo Lo Meo, e padre Francesco Stabile. Quest'ultimo ha colto l’occasione per ribadire «l’importanza della difesa dei minori, come valore che ciascuno di noi deve avere a cuore in un clima di eccessiva violenza e in cui bisogna imparare ad avere rispetto anche e soprattutto dei più piccoli». Le campagne promozionali dei volontari di Telefono azzurro partiranno proprio dalla scuola, dove si trova la nuova sede, con la consapevolezza che si tratta del primo ambito sociale e formativo con cui i bambini vengono a contatto. Tutti coloro che fossero interessati all’attività di volontariato del “Telefono azzurro” potranno recarsi presso la nuova sede nella scuola Puglisi e intraprendere un’esperienza formativa al fine di lavorare tutti insieme per tutelare i bambini più fragili. Bagherese, laureata con 110 e lode, master alla “Bocconi” di Milano, dipendente presso una azienda del settore pubblicitario, Valentina Bruno si è improvvisamente spenta a soli trentun'anni lo scorso febbraio, a causa di un aneurisma cerebrale. (andrea uzzo)

«L'Anello Debole», scelti i 28 finalisti, verdetto il 6 novembre

Le opere scelte dalla giuria di qualità on line anche su Corriere TV. Ora la parola passa alla giuria popolare. Quasi definitivo il programma del secondo Capodarco Corto Film Festival(3-6 novembre.
La giuria di qualità de «L’Anello Debole» ha scelto i finalisti che si contenderanno il premio nel corso del secondo Capodarco Corto Film Festival (3-6 novembre 2011). Sono 28 opere, divise in cinque categorie: 6 per la Radio, 6 per la TV, 7 per i Corti della Realtà, 6 per i Corti di Fiction e 3 per i Cortissimi. Il Festival sarà l’atto finale di un’edizione, la settima, che ha visto la partecipazione di un numero record di concorrenti: 210. Tutte le opere finaliste e le selezionate sono già in visione integrale sul sito del premio www.premioanellodebole.it, precisamente a questo link, insieme alle migliori opere delle passate edizioni. I 22 video possono inoltre essere visti da oggi su una sezione speciale di Corriere Tv. Si è infatti rinnovata, per il secondo anno, la collaborazione tra il sito web del Corriere della Sera e il premio bandito dalla Comunità di Capodarco.
I temi finalisti. Le 28 opere finaliste coprono una gamma di temi sociali molto ampia, sia nazionale che internazionale. Si va dalla psichiatria alla povertà e alla disoccupazione; dall’immigrazione alle problematiche dell’Africa e del Medio Oriente; dalla disabilità e i disturbi dell’apprendimento all’aborto; dai rom al carcere; dalla criminalità ai movimenti xenofobi e nazionalistici che si stanno diffondendo in Russia. Per la prima volta inoltre sono presenti due opere realizzate con la tecnica dell’animazione.
La giuria popolare. La giuria di qualità, composta da Giancarlo Santalmassi (presidente), don Vinicio Albanesi, Pino Corrias, Daniela de Robert, Andrea Pellizzari e Daniele Segre, ha assegnato un punteggio ad ogni opera finalista. Tale punteggio verrà ponderato con quello della giuria popolare che voterà nel corso del Festival di novembre. La giuria di qualità si è riservata anche la possibilità di assegnare dei “premi speciali”. Ai vincitori, che verranno “rivelati” nel corso della serata conclusiva del Festival il 6 novembre, verrà assegnato un premio in denaro e un monile con il simbolo del premio.
Per far parte della giuria popolare, bisogna iscriversi entro il 3 novembre attraverso il form on line o il modulo disponibile sul sito del Premio (www.premioanellodebole.it/GiuriaPopolare.aspx). La partecipazione è volontaria e gratuita e richiede una presenza effettiva (anche se non continuativa) nei giorni del voto.
Il festival. Il programma del secondo«Capodarco Corto Film Festival» è quasi definitivo. La manifestazione verrà presentata in conferenza stampa il 31 ottobre presso il Caffè Letterario di Fermo. Sempre il 31 ottobre il Festival avrà una vetrina anche all'interno del III Salone dell'Editoria Sociale a Roma (www.editoriasociale.info) con la proiezione di alcune delle opere video finaliste. Il 3 e il 4 novembre si entra nel vivo con la seconda edizione del Capodarco Social Film, rassegna cinematografica dedicata al sociale presso la «Sala degli artisti» di Fermo. Verranno proiettati, nell'ordine, «Ruggine» del regista marchigiano Daniele Gaglianone e «Io sono Li» del regista Andrea Segre che sarà presente in sala. Sempre il 3 e il 4 due seminari, rivolti soprattutto alle scuole superiori della provincia, con due operatori di rilievo nazionale: il montatore Paolo Marzoni e lo sceneggiatore e regista Fredo Valla. Sabato 5 novembre la serata "fiume" di presentazione degli autori delle opere finaliste culminerà con un incontro con cinque protagonisti della trasmissione di Italia Uno Le Iene: Mauro Casciari, Pierfrancesco Diliberto (in arte Pif), Marco Fubini, Roberto Marcanti, Angela Rafanelli.
Nel corso del festival le “finaliste” in concorso per il Premio «L’Anello debole» saranno votate dalla Giuria popolare. Le opere video verranno proiettate presso la Sala degli Artisti a Fermo, la Comunità di Capodarco ed altri luoghi da definire. Per la fruizione delle opere Radio è stato organizzato sabato 5 novembre un pullman per Montefiore dell’Aso (FM) con ascolto durante il tragitto di andata e ritorno e buffet sul posto. Infine, Domenica 6, la cerimonia di premiazione, presentata da Andrea Pellizzari e Daniela de Robert.
«L’Anello Debole» nasce nel 2005 da un’idea di Giancarlo Santalmassi per assegnare un riconoscimento ai migliori cortometraggi, réportage, servizi televisivi e radiofonici sui fatti e le vicende delle persone più fragili e sui temi della sostenibilità ambientale.
Il premio e il festival si avvalgono del sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo, della Regione Marche, della Provincia di Fermo, del Comune di Fermo. Possono contare inoltre sul contributo di alcuni sponsor privati e sulla collaborazione di Corriere TV, della Marche Film Commission, di Corto Dorico e del cinema «Sala degli artisti» di Fermo.
Per ulteriori informazioni si può contattare la segreteria del premio: 0734 681001 - info@premioanellodebole.it.

A Palermo è stato presentato il progetto "Tutti in rete"

Attivazione gratuita di servizi socio-sanitari e di interventi socio-educativi; sviluppo della coscienza civica; diffusione del volontariato sul territorio, con un occhio a giovani, fasce deboli ed extracomunitari. Sostenuto dall'«Unione delle associazioni no profit - società e salute onlus» e finanziato dalla Fondazione con il sud, il progetto «Tutti in rete» ha tra i punti di forza il coinvolgimento della cittadinanza nelle attività svolte e la formazione di giovani volontari. Innanzitutto, si punta al potenziamento dell'«Unione delle associazioni no profit», rete di associazioni che operano nel campo del volontariato socio-sanitario, educativo e del disagio psichico. Di essa fanno parte al momento una quindicina di associazioni: Associazione volontaria per la lotta, lo studio e la terapia dell'angioedema ereditario, Admo, Afipres Marco Saura, Ail Palermo, Associazione retinopatici ed ipovedenti siciliani, Associazione siciliana spina bifida e idrocefalo, Associazione “Bone Hope”, Associazione regionale talassemici siciliani, Associazione “Social...Mente”, Associazione Villa Letizia, Associazione siciliana per il trapianto di fegato, Associazione siciliana pazienti insufficienza respiratoria, Associazione per la lotta contro il tumore tiroideo, Fraternità di misericordia “S.M. Kolbe”, Nuova era a viso aperto.
«Il logo dell'Unione raffigura due mani che si stringono, a testimoniare la voglia di fare e di portare avanti azioni di solidarietà uniti assieme – spiega il presidente Rocco Di Lorenzo, presentando all'aula magna dell'ospedale Cervello il progetto “Tutti in rete”. L'unione è infatti una rete di associazioni che operano sia a livello locale che regionale, all'interno degli ospedali, nelle scuole e sul territorio, il cui tratto comune è di agire in ambito socio-sanitario».
Diverse le azioni che saranno attuate da “Tutti in rete”. Due mirano a fornire informazioni e a diffondere notizie sull'attività svolta dalla rete: un periodico trimestrale di informazione realizzato da giornalisti e da volontari che sarà distribuito negli ospedali, nelle scuole e nelle università; la creazione di un portale web multilingue dell'Unione; una terza azione mira a attivare processi di integrazione culturale dei popoli migranti; con i percorsi di educazione alla pro-socialità nelle scuole superiori si promuoverà tra gli adolescenti la cultura del volontariato; verranno fatti corsi di formazione rivolti agli operatori delle associazioni; infine intorno ad aprile maggio sarà realizzata una «Giornata in piazza» finalizzata a coinvolgere la cittadinanza. Per la buona riuscita del progetto molto importante sarà la partnership tra le associazioni e le istituzioni pubbliche
«Sono contento della collaborazione fra noi e le associazioni. Dobbiamo impegnarci per migliorarla ulteriormente. Il volontariato profuma di gratuità e di attenzione verso gli altri» dice il direttore generale degli «Ospedali Riuniti Villa Sofia-Cervello», Salvatore Di Rosa. Gabriella Filippazzo, direttore sanitario del presidio ospedaliero Cervello, sottolinea «l'importanza di lavorare in un ottica di collaborazione». Filippazzo rimarca anche che «è complesso mettere in rete le associazioni, perché a volte emergono problemi di leadership». «È importante che la società civile scenda in campo con tutta la sua forza – aggiunge il presidente di Nuova era a viso aperto, Bartolo Maniscalco –. Per questo l'attività di rete è fondamentale e bisogna andare avanti in questa direzione». Fra le associazioni impegnate in “Tutti in rete”, in particolare l'Associazione famiglie italiane prevenzione suicidio si occuperà «di contrastare il disagio psichico tra i giovani, prevenendo l'emergere di atti autolesionisti» dice la presidente Livia Nuccio che inoltre annuncia che l'Afipres con il progetto «Accendi un sorriso» condotto in collaborazione con l'Unità operativa Educazione alla salute dell'Ospedale Cervello, di cui è responsabile Salvo Siciliano, «svolgerà attività di sostegno e di collaborazione all'utenza dell'ospedale». (andrea uzzo)

martedì 25 ottobre 2011

In provincia di Agrigento da oggi parte il progetto IRIS, per contrastare le vecchie e nuove povertà

Ad Agrigento e Raffadali, da oggi, prende avvio, tramite la cooperativa sociale «Serena», il locale CAV e l’associazione «A servizio di ogni povertà» il progetto denominato «IRIS» finanziato dall’Assessorato per la famiglia della Regione Siciliana. A partire dalle ore 16,30 verranno distribuiti a circa 300 nuclei familiari indigenti e residenti nei comuni di Agrigento e Raffadali, generi di prima necessità.
Con tale progetto si vuole offrire alla famiglia e a giovani ed anziani, che vivono in situazioni di solitudine e marginalità, un’adeguata integrazione socio-economica. Nei comuni di Agrigento e Raffadali saranno realizzati degli appositi sportelli multifunzionali caratterizzati da uno spazio denominato «Osservatorio permanente» che seguirà, attraverso apposite équipe, i bisogni sociali della gente. Il progetto prevede diversi servizi in riferimento alla tipologia di utenza che è stata suddivisa per coppie con figli dai zero ai tre anni, soggetti adulti in situazioni di crisi o in stato di solitudine o di estrema povertà e famiglie e soggetti senza fissa dimora in situazioni di crisi. (rogero fiorentino)

Giornata del Volontariato a Porto Empedocle (AG)

In occasione del decennale della costituzione della P. A. Croce D’Oro di Porto Empedocle, domenica 23 ottobre si è tenuta presso Piazza Kennedy a Porto Empedocle, la «Prima Giornata del Volontario». Si è trattato di una manifestazione all’insegna del servizio volontario in favore del prossimo.
La giornata è iniziata già alle 7 del mattino e si è conclusa alle 19 della sera. Per coloro che hanno voluto donare il sangue “per donare vita”, era presente anche l’autoemoteca dell’A.D.E.S .
Una giornata intensa dettata dalle diverse attività che hanno previsto:

- nozioni e prove pratiche di B.L.S.D.;

- simulazioni di trasporto ospedaliero di un politraumatizzato;

- attività ludico-ricreative con i cavalli per persone disabili a cura delle Giubbe Verdi di Agrigento;

- simulazioni di incidenti stradali in auto, immobilizzazione e trasporto in ospedale;

- prove pratiche di montaggio tende e discesa verticale con simulazione di soccorso a cura del Gruppo Speleologi di Santa Elisabetta e giri dimostrativi con i volontari ed i mezzi di soccorso;
A concludere la giornata proficua, dopo la consegna degli attestati agli intervenuti, è stata la Santa Messa celebrata presso la Chiesa Madre nel corso principale della città marinara. La manifestazione - pur essendo indirizzata soprattutto agli operatori volontari di protezione civile - è stata aperta a tutti coloro che volevano apprendere come è necessario comportarsi in caso di emergenze e calamità naturali.«La prima giornata del volontariato empedoclino ha registrato un buon flusso di partecipanti, che fa ben sperare per i prossimi appuntamenti da realizzare con l’aiuto di tutti», ha dichiarato uno degli organizzatori soddisfatto. (rogero fiorentino)

Programmi e progetti dei GVV di Trapani per il 2012

Uno sportello di educazione alla legalità e un laboratorio teatrale sono le nuove attività programmate dalla GVV per il 2012. Esse andranno ad aggiungersi alle iniziative già intraprese lo scorso anno.
In particolare, lo sportello di educazione alla legalità e al rispetto dei beni comuni e privati ha come destinatari i ragazzi delle scuole medie inferiori, i quali saranno istruiti sulle regole democratiche per l’acquisizione dei concetti di ciò che è diritto e di
ciò che è dovere. “Lo scopo – afferma il presidente regionale GVV Caterina Catania Venza – è la diminuzione dei comportamenti borderline e l’accettazione delle regole che disciplinano la convivenza civile, affinché i giovani riescano a riscoprire il rispetto per gli altri, che passa anche
attraverso il rispetto per la propria persona”.
Gli incontri dello sportello si terranno due volte a settimana, con la partecipazione di un avvocato e di volontari. Avrà la durata di cinque mesi.
Il laboratorio teatrale, in parte, sostituirà quello che lo scorso anno è stato il laboratorio di danza contemporanea. Verrà realizzato un musical, in modo da poter intrecciare diverse discipline artistiche, canto, teatro e danza.
Tutti coloro che desiderano partecipare alle attività dei Gruppi di volontariato vincenziano possono rivolgersi per informazioni alla sede di via Livio Bassi 35 oppure allo Sportello Rosa di via Burgio, o ancora alle parrocchie del territorio. (chiara damiano)

lunedì 24 ottobre 2011

Volontariato: nasceranno i coordinamenti in ogni comune della Diocesi di Piazza Armerina

Alleanza di associazioni laiche e cattoliche per rispondere alla crisi di valori e nuove povertà. Tornano a parlare di gratuità in tempo di crisi, ma soprattutto a incontrarsi dopo un decennio le associazioni presenti nel territorio della Diocesi di Piazza Armerina che ricade in parte nella provincia di Enna ed in parte nella Provincia di Caltanissetta. Piazza Armerina, infatti, ha ospitato il seminario di studi «Volontariato è gratuità: risorse, prospettive e limiti», organizzato dalla Caritas Diocesana, dall’Ufficio diocesano per la pastorale sociale ed il lavoro, dal MoVI Gela, Avulss e Sportello Meter.
Per nulla incoraggianti i dati con molte associazioni ancora senza una sede, un computer. Il 28% mantiene una sede con mezzi propri e grandi sacrifici; il 18% ha ottenuto dal Comune un locale in comodato d’uso; un altro 18% frequenta i locali della parrocchia, prestando servizio nel territorio ristretto, ma con un plus di formazione che porta a collegamenti con le reti cittadine. Quarantasette le associazioni che hanno preso parte alla giornata di studi. Nei territori il 70% del volontariato è d’ispirazione cristiana.
«Occorre attuare una proposta di impegno sociale e del dono in cui la cultura del bene comune deve diventare la piattaforma da cui partire grazie anche ad un volontariato che è dotato di grandi capacità relazionali», ha detto Maria Grazia Turconi Lojacono, responsabile culturale regionale Avulss.
«Ispirati dal Vangelo a questo nobile compito – ha detto il Vescovo Mons. Michele Pennisi - i volontari ed in modo particolare i cristiani sono chiamati, cittadini tra i cittadini, a convergere per realizzare nuovi pensieri e opere capaci di dare speranza agli ultimi. In una società dominata dalla brama dell’avere e del possedere per consumare e della quale così spesso sono messe in rilievo le ombre e le manifestazioni deteriori continua il Vescovo - il volontariato offre la testimonianza del permanere di vivaci e genuine energie spirituali che mettono in evidenza il primato del dono e del servizio disinteressato, teso a costruire una società solidale». D’accordo don Fortunato di Noto, presidente dello Sportello Meter: «C’è una rete matura che realizza iniziative incontrando quotidianamente persone, tenendo uniti i fragili, i senza voce. Ascoltare – ha continuato – significa comprendere le richieste di chi chiede aiuto in maniera disinteressata e diretta». «Un volontariato buono non è opera di pochi - ha riferito Edoardo Patriarca, già presidente dell’Agesci a attuale segreterio delle Settimane Sociali dei Cattolici - oggi occorre lavorare per una espressione organizzata del cattolicesimo, per arrivare a delineare il volto di una città più aperta e abitabile, trasparente e aperta ai giovani».
Enzo Madonia, Presidente del MoVI a Gela afferma che «l’importanza di questo incontro sta nell’aver capito l’importanza della dimensione politica del volontariato che significa non fermarsi a sostenere gli ultimi, ma liberarli dalla schiavitù a cui costringe l’assistenza e per questo è necessario confrontarsi con chi è responsabile delle politiche sociali in ogni città. Il MoVI – continua Madonia – insieme alla Caritas, lavorerà perché si creino in tutti i comuni, i coordinamenti del volontariato, in cui saranno rappresentate le istanze dell’associazionismo laico e cattolico: la parola d’ordine è convergere. I coordinamenti, si occuperanno della formazione permanente del volontariato e delle politiche sociali, utilizzando gli strumenti dei Centri di Servizio e della Fondazione con il Sud».
Info 346/3720323

venerdì 21 ottobre 2011

A Niscemi la Misericordia festeggia venti anni di attività

Domenica 23 ottobre, a partire dalle ore 16, l'organizzazione di volontariato Misericordia di Niscemi festeggia il suo ventesimo compleanno. Fondata nel 1991, l'associazione brinderà con i suoi soci e con la cittadinanza al Centro socio-culturale "S. Liardo" in Via Dalla Chiesa. Qui sopra il programma-invito dell'iniziativa.

L'Unione italiana ciechi di Palermo contro il ddl nazionale per il riordino della spesa sociale

La sezione di Palermo dell'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti scende in campo contro il disegno di legge 4566 di «Delega al Governo per la riforma fiscale e assistenziale». Presentato alla Camera dei deputati dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti, il Ddl, al momento all'esame delle commissioni Finanza e Affari sociali, prevede in particolare una serie di norme di riqualificazione e di riordino della spesa in materia sociale. Misure che però non vanno giù al consiglio provinciale dell'Uic che, nella riunione dello scorso dodici ottobre, ha deciso di aderire alla mobilitazione sollevata dall'Unione italiana ciechi nazionale, dalla Fand-Federazione Associazioni Nazionali Disabili e dalla Fish (Federazione italiana per il superamento dell’handicap). L'Uic di Palermo ha infatti istituito un Comitato permanente di agitazione per coordinare la partecipazione dei non vedenti palermitani alle iniziative di protesta dell’Uic nazionale, della Fand e della Fish.
«Il Ddl 4566 contiene principi devastanti i quali se attuati, farebbero tornare il mondo della disabilità al Medioevo con il rischio dell’emarginazione e dell’esclusione sociale – ha dichiarato il presidente provinciale dell'Uic, Giuseppe Scaccia. Tutto questo non è accettabile, l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti difenderà con tutte le sue forze l’indennità di accompagnamento al solo titolo della minorazione, che è stata ed è una delle più belle pagine del Parlamento Italiano”.
Il 18 ottobre scorso le ragioni della Fish sono state ascoltate, in audizione, dalla Commissione affari sociali della Camera. In un documento, lasciato agli atti della Camera, la Fish ha posto in assoluta evidenza quali saranno «gli effetti nefasti» sulle famiglie italiane, sulle persone con disabilità e sui diritti soggettivi. «Il disegno di legge delega sulla riforma assistenziale è inemendabile nei contenuti, nella forma, nelle finalità e nei metodi» ha perentoriamente dichiarato Pietro Barbieri, presidente della Federazione italiana per il superamento dell’handicap, a margine dell'audizione. Dalla Federazione italiana per il superamento dell’handicap tengono a sottolineare che la stroncatura della Fish al ddl per la qualificazione e il riordino della spesa in materia sociale «si aggiunge alle altre stroncature che il disegno di legge ha subito alla prima analisi in Commissione affari sociali. La più rilevante quella della Corte dei conti, ma altrettanto decise critiche sono arrivate, finora, anche dai Sindacati e da Confindustria». (andrea uzzo)

mercoledì 19 ottobre 2011

Dall'Organizzazione mondiale della sanità le nuove emergenze sociali per l'Europa

«Nel 2020 la popolazione anziana in Europa sarà superiore a quella che può sostenere ragionevolmente il sistema sanitario». Lo ha detto lo chief scientist dell’Oms Europe Roberto Bertollini ieri a Genova a margine di un incontro nazionale organizzato da Legambiente, Ambiente Italia e il Sole24Ore. «Se l’Europa non lavora sulla prevenzione, sulla medicina anti ageing, non ha futuro – ha detto Bertollini. E Stato, Regione, sindaco non potranno sostenere una situazione sanitaria di questo genere. La salute deve diventare il centro di tante politiche, da quelle energetiche e ambientale a quella dei trasporti».
«Un altro problema che deve affrontare l’Europa è la lotta alle diseguaglianze – ha aggiunto -, un fatto che è incompatibile con il benessere dell’intera nostra società. Senza una lotta al fenomeno delle disuguaglianze in aumento anche dal punto di vista sanitario l’Europa non ha futuro». (fonte sanitaincifre.it)

Un portale unico del volontariato gelese grazie ad un corso di informatica per comunicatori sociali del web

Ad organizzarlo è il coordinamento del Volontariato di Gela, grazie al sostegno della Fondazione con il Sud, nell'ambito del progetto delle associazione di Gela "Il Cammino della reti". A partire dunque dallo spazio www.volontariatogela.org, ogni associazione potrà gestire le proprie notizie, media di vario tipo e comunicazioni. La pagina principale sarà in comune per le notizie più rilevanti e d'interesse per il volontariato. Grazie a questo supporto la rete del volontariato di Gela avrà uno strumento per comunicare la propria mission e contribuendo così a far crescere la cultura della solidarietà e rinforzare la rete già esistente. L’obiettivo è fornire gli strumenti per gestire un sito internet con il sistema 'open source' Joomla, acquisire competenze in merito alla progettazione di un no spazio web con foto, video, articoli e competenze nell’utilizzo di videocamere digitali. Il corso è gratuito, è rivolto ai volontari con conoscenze informatiche di base, avrà durata pari a 24 ore e si svolgerà presso la Casa del Volontariato di Gela in via Ossidiana nelle seguenti date 29 ottobre, 5 novembre, 12 novembre e con il seguente orario 8:30 alle 13:30/15:30-18:30. (andrea cassisi)

La crisi c'è e si "sente". Gli stratagemmi per galleggiare e arrivare alla fine del mese

Da un'indagine delle Acli risulta che una famiglia su 4 ha chiesto un aiuto ai parenti; il 40% degli intervistati non è riuscito a pagare le bollette. Si riducono spese per tempo libero, cultura e cura della persona. Sono le “strategie di galleggiamento” delle famiglie italiane di fronte alla crisi economica.
L’inchiesta è stata realizzata tra marzo e luglio in 12 regioni italiane (Abruzzo, Calabria, Campania, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana, Veneto) su un campione di famiglie (1500 questionari) che si sono rivolte agli sportelli Acli, nell’ambito delle attività di sperimentazione del progetto “Link”, finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

I risultati. Una famiglia su quattro nell’ultimo anno ha chiesto un aiuto economico ai parenti per fronteggiare la crisi; il 40% degli intervistati non è riuscito a pagare le bollette; il 22% ha tardato il pagamento delle rate di un bene acquistato; l’81% ha acquistato prodotti a basso costo. Tempo libero, cultura, ma anche cura della persona sono le voci di consumo che maggiormente si riducono, mentre subiscono contrazioni più contenute le spese per la casa, la mobilità e le comunicazioni. “Sembra più facile rinunciare a libri, cinema e palestra piuttosto che al telefonino”, osservano i curatori dell’indagine.

Per il presidente nazionale delle Acli, Andrea Olivero: «I dati di questa indagine ci restituiscono l’immagine di un gran numero di famiglie italiane, non solo quelle che incontriamo nei nostri servizi e nelle nostre attività. Famiglie che cercano di resistere alla crisi adottando strategie di contenimento dei costi faticose, a volte contraddittorie, e spesso insufficienti, dovendo ricorrere spesso al sostegno economico dei parenti. Non possiamo continuare ancora a considerare le famiglie come unico salvagente del nostro welfare». (fonte Redattore sociale 18ott11)

martedì 18 ottobre 2011

A Gela (CL), successo per "Una mela per la vita"

La XVII edizione di «Una mela per la vita», la raccolta fondi organizzata dall’Aism, fa il pienone raccogliendo a Gela la somma di circa 5 mila euro.
La manifestazione si è svolta nei giorni scorsi con numerosi stand in giro per la città, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. L’evento di sensibilizzazione e raccolta fondi per le ricerca contro la sclerosi multipla è stato dedicato ai giovani, i più colpiti dalla malattia. «Anche quest’anno, pur nelle ristrettezze della crisi che ha investito la nostra città, abbiamo avuto una risposta solidale dalla gente», dice Antonio Cinardi, presidente della sezione provinciale di Caltanissetta, che ha sede a Gela. Cinardi ha scritto ai capi d’Istituto, ai docenti, agli studenti e loro famiglie ringraziandoli «per la sensibilità dimostrata e per avere reso possibile "Una Mela per la Vita"».
«Un grazie a tutta la gente di buon cuore – aggiunge Cinardi – che con un semplice gesto, portando a casa un sacchetto di mele, ha fatto sì che la ricerca contro la sclerosi multipla andasse avanti consentendo di realizzare ancora più servizi dedicati ai giovani con SM. Un grazie alla Protezione civile ed all’associazione carabinieri, nonché ai nostri giovani volontari dell’ AISM, che si sono mobilitati per distribuire le mele. Avere toccato la cifra ragguardevole di circa cinque mila euro in questa manifestazione nell’ambito provinciale, è qualcosa che ci lascia commossi e ci fa sperare che con i fondi raccolti nel resto d’Italia, si darà una sterzata alla ricerca».
L’Istituto alberghiero ha fatto una buona scorta di mele durante la campagna: anche quest’anno gli studenti si cimenteranno nella realizzazione di torte di mele con la premiazione della miglior torta dove campeggerà la scritta «AISM».(andrea cassisi)

L'Arrupe di Palermo propone momenti di studio e dibattito in vista delle elezioni

Il Centro "P. Arrupe" di Palermo propone degli incontri in vista delle prossime amministrative nel capoluogo siciliano. Ecco il testo dell'invito alla prima iniziativa.

«A livello cittadino e anche regionale si stanno delineando candidature, auto-candidature e tante proposte di coinvolgimento in vista delle prossime scadenze elettorali.

Noi scegliamo un approccio differente. In linea con il nostro modo di procedere, vi proponiamo, infatti, di ritornare a riflettere e di arrivare questa volta preparati a tali appuntamenti che ci coinvolgono come comunità. Perseguiremo questo fine attraverso una serie di incontri che intendono contribuire a diffondere un’informazione adeguata e così favorire un consapevole orientamento di scelta da parte della cittadinanza.
La prima di tali iniziative, dal titolo “L’Autonomia siciliana oggi: strumento per lo sviluppo?”, si terrà il 21 ottobre prossimo alle ore 18.00 presso l’Audiotorium Gonzaga del CEI, via Piersanti Mattarella, 38 Palermo ed è organizzato in collaborazione con altre istituzioni di riferimento della nostra città: Centro Educativo Ignaziano - CEI, l’Associazione Ex Alunni Gonzaga – CEI, la Comunità di Vita Cristiana (CVX) e la Libreria Paoline.

All’incontro interverranno l’on. prof. Enrico La Loggia, presidente della Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale e l’on. dott. Giovanni Barbagallo, membro della Commissione affari istituzionali dell’Assemblea Regionale Siciliana.
I lavori saranno introdotti dal p. Francesco Beneduce S.I., rettore del CEI, e saranno coordinati dal p. Gianfranco Matarazzo S.I., direttore dell’Istituto Arrupe.

lunedì 17 ottobre 2011

A Palermo si presenta "Tutti in rete"

Si tratta di un progetto che ha avuto il sostegno di "Fondazione con il Sud" ed è promosso dall'Unione delle associazioni no profit "Società e Salute". La presentazione si svolge a Palermo il 26 ottobre 2011 alle ore 10 nell'Aula magna "M. Vignola" dell'Ospedale "V. Cervello", in via Trabucco, 180.
A conclusione dell'incontro, alle ore 12, saranno inaugurati i nuovi locali del Centro di Ipovisione e Riabilitazione ARIS (Pad. A - 2° piano).

venerdì 14 ottobre 2011

Marketing Sociale, il CeSVoP offre un nuovo servizio alle organizzazioni di volontariato della Sicilia occidentale


Si chiama Servizio Marketing Sociale e permette al volontariato delle province di AG, CL, PA e TP di realizzare materiale promozionale, campagne pubblicitarie e produzioni multimediali a sostegno della sua comunicazione sul territorio.
Le domande di ammissione vanno inviate dal 17 al 28 ottobre 2011.
Modalità di richiesta, requisiti per l'ammissione e moduli da compilare li trovate nei link qui sotto.

In sintesi
- viene messo a disposizione per ogni organizzazione di volontariato ammessa al servizio un voucher di 3.600 euro (sino ad esaurimento budget prestabilito) per la realizzazione di produzioni comunicative (in due dei quattro ambiti previsti dal Regolamento);
- sono ammesse solo le OdV a norma con la legge 266/91 e la legge reg. 22/94 e con sede nelle province della Sicilia occidentale (AG, CL, PA e TP);
- le domande vanno inviate al CeSVoP solamente dal 17 al 28 ottobre 2011 (tramite: posta raccomandata; fax; email marketingsociale@cesvop.org; a mano alla segreteria del CeSVoP);
- per l'esame e l'eventuale ammissione verrà considerato l'ordine cronologico di invio delle istanze;
- le OdV ammesse verranno indirizzate ai fornitori individuati dal CeSVoP, presso i quali sceglieranno le modalità di realizzazione di quanto indicato nella scheda progettuale;
- il Servizio va usufruito entro 4 mesi dalla comunicazione di ammissione;
- si ha la possibilità di utilizzare un solo voucher all'anno (salvo quanto disposto dal Regolamento);
- il Servizio è in fase sperimentale ed entrerà a regime nel 2012 con altre due finestre temporali per le richieste di ammissione.Ogni dettaglio nel Regolamento (qui sotto) che va letto prima di compilare e inoltrare la documentazione richiesta.

Regolamento del Servizio Marketing Sociale del CeSVoP

Modulo per la richiesta del Servizio

Scheda progettuale da allegare alla richiesta

Verso la conclusione le Giornate di Bertinoro, occasione per discutere di economia sociale

In occasione delle XI Giornate di Bertinoro che si consludono il 15 ottobre, pubblichiamo l'intervista all'economista Stefano Zamagni da Corrado Fontana per la rivista Valori (settembre 2011).

Nuovi spazi che si aprono per l’economia civile e modelli di compartecipazione che cambiano, alterando equilibri decennali: alle Giornate di Bertinoro 2011 il Terzo Settore è sempre più protagonista della società. Ne abbiamo discusso con l’economista Stefano Zamagni. Quella del 2011 è l’undicesima edizione e l’obiettivo è sempre lo stesso: aiutare la comprensione, a livello generale e soprattutto nella classe dirigente, riguardo la necessità di passare da un ordine sociale bipolare, fondato sulla distinzione fra pubblico e privato, a un ordine tripolare in cui ad essi si affianca il civile». Le parole del professor Stefano Zamagni, presidente dell’Agenzia per il Terzo Settore e della Commissione Scientifica di AICCON (Associazione italiana per la promozione della cultura della cooperazione e del non profit), suggeriscono il significato complessivo delle Giornate di Bertinoro per l’economia civile in programma il 14 e 15 ottobre prossimi. Ma non basta. Perché l’edizione di quest’anno, intitolata “Federalismo fiscale e disuguaglianze territoriali: il ruolo dell’economia civile”, entra più che mai nel vivo di un processo di trasformazione di primissimo piano per lo sviluppo del Paese. «Siamo in una situazione di transizione - continua Zamagni - in cui ci si sta rendendo conto che, solo con pubblico e privato, non si arriva a soddisfare le esigenze di varia natura che un Paese avanzato pone. È il caso dei beni comuni: acqua, territorio, energia, aria, che non possono essere gestiti in maniera ottimale né con la forza privatistica né con la formula pubblicistica. Non con la prima perché non sono beni privati: ad essi non si può applicare la legge domanda-offerta, né i calcoli di convenienza economica ormai standard. Non con la seconda: i deficit di bilancio aumenterebbero fino ad arrivare all’insostenibilità finanziaria. Lo stesso vale per la scuola».
Come impatteranno sul Terzo Settore e sull’economia civile le nuove normative sul federalismo fiscale?
Il federalismo fiscale è l’ultimo anello di una catena lunga iniziata con i provvedimenti dell’allora ministro Bassanini. Non è una tegola caduta dal cielo: è il normale completamento di un processo. Il giudizio non può che essere positivo. Detto questo rimane il problema della sua implementazione: ovvero del modello specifico che sarà attuato. È evidente che questi decreti contengono novità di grande positività; altre pongono problemi di applicazione. Tra le novità del primo tipo c’è il cosiddetto fallimento politico. I presidenti di Regione e Provincia, prima della fine del mandato, devono approvare un inventario del lavoro fatto e dei debiti che lasciano alla gestione futura. Tutto ciò almeno 4 mesi prima della fine del mandato. Tale inventario deve essere pubblicato su tutti i media in modo di dare al cittadino la possibilità di sapere quello che l’amministrazione ha realizzato e i debiti che lascia a quella futura. Altra innovazione: l’introduzione dei costi standard: si pone fine alla sconcezza per cui ogni Regione poteva farsi rimborsare i debiti senza alcun ritegno, una totale de-responsabilizzazione da parte degli amministratori locali. Con i costi standard si dice: l’appendicectomia costa tot, se tu ente locale vai al di fuori dei costi standard, lo devi giustificare. E il ministero ti potrà contestare se le ragioni che addurrai non saranno accettabili.
Terza innovazione: l’omogeneizzazione dei sistemi di revisione contabile. Attualmente ogni regione ha un suo sistema di ragioneria, quindi i bilanci non sono confrontabili perché redatti con sistemi diversi. È evidente che con 20 regioni non ci possono essere 20 sistemi diversi. È una piccola rivoluzione copernicana e riconosco che ci voglia un tempo sufficiente per l’adeguamento. Perciò bisogna pensare a vere e proprie scuole di amministrazione per i dipendenti pubblici che insegnino esattamente ad applicare una logica diversa. A questo punto si inserisce il Terzo Settore. Esiste un problema: passare da un vecchio a un nuovo equilibrio. Servono soggetti che aiutino a traghettare: nella situazione italiana il traghettatore ottimale è il Terzo Settore, perché ha il know-how, l’esperienza e la motivazione per il bene comune.
Nessun altro soggetto ha questa motivazione. E il Terzo settore è pronto a sfruttare questo spazio che sembra aprirsi? Sì, nel mondo del Terzo settore italiano si racchiude un tesoro di esperienze che non ha pari a livello mondiale. A livello mediatico tutto ciò non emerge. Abbiamo una miniera di competenze ed esperienze che fa invidia al mondo intero. Fino ad ora non sono state utilizzate: anzi, sono state derise. A Brescia c’è una cooperativa sociale che ha trovato un accordo con l’Agenzia delle entrate per fare un monitoraggio sulla lotta all’evasione fiscale: stanno ottenendo dei risultati che in cinquant’anni non erano mai stati raggiunti.
Il tema della cosiddetta sussidiarietà orizzontale è già stato sviluppato a sufficienza? In proposito si deve fare un passo in avanti mirando alla sussidiarietà circolare. Significa che i soggetti del Terzo settore, a seconda della loro competenza specifica, devono interagire con l’ente pubblico e con la comunità degli affari per la co-progettazione e la cogestione dei servizi. Finora con la sussidiarietà orizzontale ogni soggetto del Terzo settore gestiva la propria area di attività limitatamente a un particolare territorio. Il cittadino che non abita in quell’area rimane escluso. Con il triangolo pubblico-privato-civile ognuno ha una sua funzione: la sussidiarietà circolare significa metterli in circolo in modo che tutti e tre abbiano voce in capitolo.

giovedì 13 ottobre 2011

Marsala, tante lingue per dare “istruzioni” e strumenti a chi cerca lavoro

Giovani marsalesi e rifugiati politici del centro SPRAR di Perino, a Marsala, presentano una guida multilingue. Si tratta del risultato finale del progetto Cre.o.la, Creatività e Organizzazione per il Lavoro, attuato dall’associazione Amunì con il supporto dell’Unione Europea all’interno del programma «Gioventù in azione».
La guida è disponibile in lingua inglese, francese, arabo e italiano e sarà distribuita gratuitamente alle scuole superiori del territorio, ma anche alle associazioni, alle strutture che operano con i migranti, i rifugiati e i richiedenti asilo. «Il nostro lavoro – spiega Anna Laura Casano – è uno strumento utile a chiunque sia alla ricerca di un’occupazione a prescindere dalla nazionalità».
Già pronta la versione CD, qui è possibile trovare informazioni e suggerimenti utili per affrontare un colloquio di lavoro, ma anche numeri utili come quello dell’ufficio di collocamento di Marsala, riferimenti delle agenzie ‘cerca lavoro’ del territorio e gli enti di formazione. Sono anche riportati tutti i siti web tematici.
Il Progetto Cre.O.La ha avuto inizio a febbraio e ha coinvolto giovani marsalesi, minori stranieri non accompagnati e rifugiati ospiti del Centro SPRAR di Perino gestito dal consorzio Solidalia sede delle attività. La guida sarà disponibile per tutti coloro che ne faranno richiesta – fino ad esaurimento copie – inviando una mail a info@amuni.it. Per chi volesse saperne di più basta consultare il sito dell’associazione www.amuni.it o il blog creolaproject.blogspot.com. (chiara putaggio)

Casa del volontariato di Gela. Continua il confronto tra amministrazione comunale e volontari

Sulla Casa del Volontariato di Gela (i cui locali sono stati concessi in comodato d'uso gratuito dal Comune) gli attuali amministratori hanno aperto un confronto con le associazioni puntando sul rapporto costi-benefici. Qui sotto il "botta e risposta" tra Assessore comunale ai servizi sociali e il Coordinamento delle associazioni di volontariato promosso dal MoVI Gela.


«Filo dritto», mostra dei prodotti tessili dei detenuti

Filare dritto costruendo la propria vita nella dignità di un lavoro. Saranno i feltri di Htem Darwhis, un giovane egiziano socio della cooperativa sociale “Filo Dritto”, i protagonisti nella mostra “La magia della lana: Atelier dietro le sbarre”, che la coop sociale con sede nel Carcere di Enna, allestisce domani, 14 ottobre, sabato e domenica a Catania. L'appuntamento è nei locali dell’associazione Vecchio Bastione 27, dalle ore 17 alle 21 e trenta. Darwhish, 23 anni, grazie alla mostra di Catania potrà, così, rivedere esposti i suoi capolavori: cieli d’Africa e tramonti tinti di arancio, seducenti bouquet di fiori, i «cutulisci» di Catania, i tradizionali cannoli e le «minne» di Sant’Agata, le impalpabili sciarpe di lana e seta, in cui la magia della lana mostra il proprio prodigio. Da un impegnativo passatempo infatti l'arte di tessere il feltro, secondo l'antica tradizione siciliana, si è mano a mano trasformata per Darwhish e per altri giovani detenuti in un vero e proprio lavoro.
La mostra ripercorre la storia di “Filo Dritto”, nata all'’inizio di quest’anno da una costola dell’associazione A Mani Libere che da anni si occupa di recupero della tradizione tessile siciliana. La presidente Ninni Fussone, oggi a capo di Filo Dritto, sociologa con la passione per i tessuti, per anni ha tenuto corsi da volontaria nelle sezioni femminili e maschili del carcere ennese. «Il nostro è un lavoro di creazione che mescola la tecnica all'arte – dice . Continuiamo a lavorare ad un progetto che è imprenditoriale ma a carattere etico. Tra i prossimi appuntamenti c’è quello con il Salone della Giustizia a Roma. Solo il lavoro, infatti, può costituire un riscatto vero per chi approda in carcere».
Filo Dritto, prima cooperativa sociale tessile delle carceri siciliane fa parte del progetto “Sigillo” del Ministro di Grazie a Giustizia, marchio creato a tutela del lavoro dei detenuti. Le lane utilizzate dalla Filo Dritto sono da quelle autoctone, quelle siciliane, fino ai preziosi cashmere, cammello, merinos, colorate chimicamente o con piante tintoree.
Venerdì 14 ottobre, alle ore 17, l’inaugurazione della mostra mentre il sabato, 15 ottobre, ore 18 sarà possibile partecipare al workshop assistendo dal vivo alla creazione di un tessuto in feltro. La mostra rimarrà aperta anche domenica dalle 17 alle 21 e trenta. (andrea uzzo)

Aperte le iscrizioni all'Archeoclub Sicilia

L’associazione Archeo-Club di Sicilia, movimento apolitico per la conoscenza e tutela dei Beni Culturali, ha aperto le iscrizioni per l’anno sociale 2012.
Possono iscriversi persone che abbiano la volontà di approfondire le proprie conoscenze dei Beni Culturali mediante escursioni, visite guidate nei siti archeologici-architettonici-paesaggistici, conferenze a cura di esperti nel settore.
Si possono chiedere informazioni alla Segreteria negli orari d’ufficio. Telefoni 0916888532 - 336798346 - e-mail: archeoclubdisicilia@libero.it

martedì 11 ottobre 2011

Il CeSVoP propone quattro seminari per presentare al volontariato il Progetto In.Volo

La possibilità per il volontariato di ottenere finanziamenti con condizioni agevolate è l'argomento degli incontri che il CeSVoP organizza nelle quattro province della Sicilia occidentale, in collaborazione con Banca Prossima e Comitato di Gestione del Fondo speciale per il volontariato regione Sicilia. Primo incontro ad Agrigento il 13 ottobre, ex Collegio dei Filippini (via Atenea c/o Piazza Pirandello) ore 15-18
Alla presentazione del Progetto In.Volo. (Iniziativa per il Volontariato) sono invitate tutte le organizzazioni di volontariato, anche quelle che per il momento non pensano di chiedere un prestito. Tutte avranno la possibilità di chiedere informazioni dettagliate e di chiarire eventuali dubbi.
Qui sotto il link della brochure informativa con il programma dei quattro incontri.

Programma

La diocesi di Palermo propone un incontro di riflessione su crisi, povertà e impegno per la crescita

Per proseguire e sviluppare il cammino avviato con l’itinerario della 41ma Settimana Sociale dei cattolici italiani, l’Ufficio diocesano per il Problemi Sociali e il Lavoro della diocesi di Palermo, promuove un incontro per rilanciare i percorsi della pastorale sociale nei territorio della diocesi.
L'invito è per GIOVEDI’ 20 OTTOBRE 2011 alle ore 17 nel Salone LAVITRANO di Via Matteo Bonello, 2 a Palermo ed è rivolto a quanti, laici, religiosi e presbiteri, impegnati nelle comunità e nelle aggregazioni laicali che intendono promuovere ed animare la pastorale sociale nei diversi territori a partire dalle linee di lavoro che – come arcidiocesi di Palermo – ci siamo dati con la stesura e approvazione del documento finale (il testo definitivo è consultabile sul sito dell’ufficio www.pastoralesociale.diocesipa.it ).
Ma sono pure invitate tutte quelle persone generose che, nelle comunità del territorio diocesano, progettano e portano avanti con fedeltà e passione molte iniziative di impegno sociale e civile: si intende far rete tra le diverse esperienze, metterle in luce, collegarle e ricordare che esse sono una ricchezza per tutti. Sarà presente all’incontro il prof. Vincenzo Antonelli, della Segreteria Scientifica del Festival per la Dottrina Sociale della Chiesa che aiuterà a riflettere sul rapporto tra Dottrina Sociale della Chiesa e pastorale ordinaria.

Afipres Marco Saura cerca ragazzi e ragazze per il servizio civile da svolgere a Palermo

L’AFIPreS «Marco Saura» di Palermo ricerca volontari per il Servizio civile. Sono aperti i termini per la partecipazione al bando di selezione nell’ambito del progetto «Spazio i Girasoli». Nel sito www.afipres.org si può consultare il progetto e scaricare i moduli da compilare per la domanda di iscrizione che deve essere corredata anche da curriculum vitae e copia del documento di identità. Alla selezione possono partecipare giovani in possesso di cittadinanza italiana che, alla data di presentazione della domanda, hanno compiuto diciotto anni di età e non superato il ventottesimo. La domanda e i relativi documenti devono pervenire in formato cartaceo (le istanze trasmesse a mezzo fax o via e-mail non saranno prese in considerazione ) entro e non oltre le ore 14 del 21 ottobre 2011 presso la sede dell’AFIPreS in via G. Besio, 33 (trav. di via Brunelleschi; tel. 0916859793) a Palermo. Il colloquio di selezione verterà sulla conoscenza del servizio civile, sulle sue finalità, sui temi della promozione della pace, della cittadinanza attiva e del terzo settore, sulla conoscenza del progetto, idoneità allo svolgimento delle attività previste e disponibilità del candidato alle condizioni richieste dalla attuazione del progetto, così come previsto dal sistema di reclutamento e selezione di cui al box 18 - 19 del testo del progetto, approvato dall'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, in ottemperanza alle disposizioni dettate dalla circolare sull'accreditamento degli Enti del 2009. Per maggiori informazioni sul Servizio Civile Nazionale si può consultare www.serviziocivile.it.

L'Istituto Arrupe di Palermo propone un master di Europrogettazione

Sono aperte le iscrizioni al master universitario di I livello in “Europrogettazione e Programmazione Comunitaria” organizzato dall’Istituto Arrupe e dall’Università di Palermo. Il corso abilita alla professione di europrogettista che dovrà essere in grado, cioè, di individuare gli strumenti di finanziamento messi a disposizione dall’Unione europea e di collaborare alla gestione di tutte le fasi di realizzazione di un progetto.
Il master prevede un articolato percorso formativo: lezioni frontali si alternano infatti a laboratori, seminari, visite guidate. Inoltre, durante il project work, i partecipanti, seguiti da supervisori con pluriennale esperienza nel settore, vengono chiamati a lavorare nella stesura di un progetto; l’intento è di spingere gli allievi a trasferire, all’interno di una simulazione progettuale, gli strumenti e i contenuti appresi durante le lezioni in aula.
Inoltre, l’accompagnamento personalizzato, tipico del modo di procedere dell’Istituto, e l’attenzione particolare riservata alla scelta degli enti ospitanti lo stage completano l’offerta formativa che intende fornire ai partecipanti una preparazione non meramente teorica ma pratica, volta all’acquisizione di competenze professionali da spendere nel mercato del lavoro.
Il master ha una durata annuale, consente di ottenere 60 CFU e può essere frequentato dai possessori di un diploma di laurea, anche triennale, di qualsiasi indirizzo.
Le domande dovranno essere presentate entro le ore 13.00 del 7 novembre 2011.
Per l’elenco degli enti collaborano con l’Istituto Arrupe nella realizzazione degli stage, clicca qui.

Bando

Scheda Master

lunedì 10 ottobre 2011

Vota il video e contribusci a un progetto sociale da realizzare con Fondazione con il Sud

In rete c'è un video che partecipa al Bando Donne, Integrazione e Periferie promosso da Fondazione con il Sud e da Enel Cuore Onlus. Si tratta di una proposta di intervento per le donne del quartiere Zisa di Palermo. Progetto presentato dall'associazione senza fini di lucro "Il Vaso di Pandora" con la collaborazione dell'Associazione Onlus Il Villaggio delle Idee, Argonauti Soc. Coop. Sociale, Società cooperativa sociale Libero Sole, Contaminando Bios, Associazione Circolo Arciragazzi Palermo, Associazione Culturale di promozione sociale FareMondi, Associazione Libero di Essere Onlus, Associazione senza fini di lucro Federcasalinghe, Comitato AddioPizzo, Libera Scuola Waldorf, Associazione Photofficine Onlus, Associazione Nauhel, CESVOP Centro Servizi per il Volontariato di Palermo.
Inoltre sono partners di supporto Banca Popolare Etica, Legacoop Palermo, CNA Confederazione Nazionale dell'artigianato e della Piccola e Media Impresa di Palermo, Comitato per l'Imprenditoria Femminile della CCIA di Palermo, l'USSM del Centro per la Giustizia Minorile di Palermo ed l'Assessorato Attività Sociali, Politiche Giovanili e l'URP del Comune di Palermo.
Insomma, più si vota il video, più si promuove il progetto. Guardalo e scegli se votare.



PER VOTARE IL "MI PIACE" SULLA PAGINA YOUTUBE, CLICCA QUI

Bando Donne, Integrazione e Periferie

Il Bando è rivolto alle organizzazioni del volontariato e del terzo settore per realizzare dei progetti nelle “periferie centrali” di alcune città meridionali dove le condizioni di sviluppo sono più fragili e dove la valorizzazione del ruolo della donne incontra maggiore difficoltà.
Con il Bando, la Fondazione con il Sud ed Enel Cuore intendono promuovere e valorizzare il ruolo delle organizzazioni non profit caratterizzate da una forte presenza di giovani donne, in particolare immigrate, in aree urbane affette da carattere di marginalità, devianza e disagio sociale.

Il Bando promuove la realizzazione di interventi nelle aree di 5 città del Mezzogiorno con un'alta concentrazione di famiglie, generalmente numerose e di immigrati, nelle quali le donne svolgono un ruolo centrale. In particolare, i quartieri interessati saranno: il quartiere Forcella di Napoli, il quartiere Madonnella di Bari, il quartiere Archi di Reggio Calabria, il quartiere Zisa di Palermo, il quartiere Marina di Cagliari.
I progetti presentati dovranno prevedere una partnership di almeno tre organizzazioni del terzo settore o di volontariato, avendo come “soggetto responsabile” un’organizzazione costituita esclusivamente da donne con sede legale in uno dei 5 comuni indicati.
I progetti andranno presentati entro il 3 ottobre 2011. Seguirà il processo di valutazione volto a selezionare gli interventi capaci di generare valore sociale sul territorio, facendo emergere i bisogni e proponendo opportunità di riscatto sociale e culturale delle donne, soprattutto attraverso lo sviluppo di attività che producano reddito e occupazione.
Il Bando prevede, inoltre, una modalità di partecipazione innovativa: il progetto dovrà essere accompagnato da un breve video, della durata massima di 2 minuti, di presentazione dell’idea che si intende realizzare, che potrà essere pubblicato su YouTube e valutato dagli utenti e dalla società civile.
Le risorse economiche per il Bando sono pari a 2 milioni di euro, di cui 1 milione messo disposizione dalla Fondazione con il Sud e 1 milione di euro messo a disposizione da Enel Cuore Onlus.
La collaborazione tra la Fondazione con il Sud ed Enel Cuore Onlus nasce dalla condivisione di obiettivi e interesse per lo sviluppo del Meridione. Avviata nel 2009 con cinque progetti per la cura degli anziani non autosufficienti del Sud Italia, confermata nel 2010 con Bando Educazione Giovani contro la dispersione scolastica del Meridione e con il co-finanziamento di 11 progetti esemplari, vede con il Bando Donne, Integrazione e Periferie per la prima volta i due soggetti firmare un Bando congiunto.

giovedì 6 ottobre 2011

Anello debole 2011, selezionate 109 opere, la parola alla Giuria di qualità

Sono 109 le opere selezionate per accedere alla seconda fase dell’edizione 2011 del Premio L'Anello Debole. Le ha scelte un comitato interno alla Comunità di Capodarco, che quest’anno ha dovuto confrontarsi con un numero record di opere inviate (210) e una qualità molto elevata. La selezione si è basata su criteri come la congruità, l’adeguatezza tecnica, l’originalità, la forza comunicativa ecc.
Per la categoria “Radio” accedono alla seconda fase 22 opere su 42 in concorso; per la “Tv” 31 su 52; per i “Corti della realtà” 35 su 67; per i “Corti di fiction” 18 su 36, per i “Cortissimi” 3 su 3. Dopo la prima selezione le opere in concorso sono risultate quindi 200 mentre quelle dichiarate fuori concorso sono salite a 10.Le “selezionate” sono state pubblicate sul sito del Premio (vai all’elenco), dove si possono vedere anche le “migliori” opere delle scorse sei edizioni. Ora la decisione passa alla “Giuria di qualità” - composta da Giancarlo Santalmassi, don Vinicio Albanesi, Pino Corrias, Daniela De Robert, Andrea Pellizzari, Daniele Segre - che in una riunione che si terrà verso la metà di ottobre, sceglierà i candidati alla vittoria finale. La loro valutazione sarà poi computata con quella della “Giuria popolare” nel corso del secondo Capodarco Corto Film Festival (2-6 novembre 2011). Per partecipare a questo “organismo” c’è tempo fino al 3 novembre. Chiunque può farne richiesta attraverso un form di iscrizione on line o compilando il modulo di iscrizione disponibile sul sito del Premio.
La Giuria popolare sarà composta da un massimo di 200 persone di diversa età ed estrazione sociale, inclusi studenti delle scuole superiori. I voti dei giurati popolari “peseranno” al 40% sulla votazione finale. Il 60% sarà riservato alla Giuria di qualità. La partecipazione è volontaria e gratuita e richiede una presenza effettiva (anche se non continuativa) nei giorni del voto. Il festival. Si vanno intanto delineando gli eventi del secondo“Capodarco Corto Film Festival”. Dal 2 al 6 novembre ci sarà la seconda edizione del Capodarco Social Film, rassegna cinematografica dedicata al sociale presso la “Sala degli artisti” di Fermo. Il 3 e il 4 due seminari, rivolti soprattutto alle scuole superiori della provincia, rispettivamente con Paolo Marzoni “sbrango”, tra i montatori più quotati in Italia, e lo sceneggiatore e regista Fredo Valla. Sabato 5 novembre la serata “fiume” di presentazione delle opere finaliste insieme con gli autori culminerà con un incontro con quattro protagonisti della trasmissione di Italia Uno “Le Iene” tra cui Pierfrancesco Diliberto (in arte “Pif”) e Mauro Casciari. Titolo: “Videoinchieste d’assalto”.
Nel corso del festival le “finaliste” in concorso per il Premio “L’Anello debole” saranno votate dalla Giuria popolare. Le opere video verranno proiettate presso la Sala degli Artisti a Fermo, la Comunità di Capodarco ed altri luoghi da definire. Per la fruizione delle opere Radio sono stati organizzati sabato 5 novembre due pullman per Montefiore dell’Aso (FM) con ascolto durante il tragitto di andata e ritorno e buffet sul posto. Infine, Domenica 6, la cerimonia di premiazione, presentata da Andrea Pellizzari e Daniela De Robert.

Over 55 a lezione di «web comunication» e giovani tra i banchi per le “buone prassi”: progetto dell’Avis Sicilia

I dirigenti avisini over 55 seguiranno le lezioni per imparare il linguaggio della «web comunication», come si naviga e come “dialogano nella rete” i giovani. I ragazzi del gruppo Avis Sicilia (tra 18 e 35 anni), invece, dagli adulti impareranno le “buone prassi”, cogliendo il senso della storia e della mission dell’associazione. Su questo percorso a doppio senso - gli adulti imparano dai giovani e i ragazzi imparano dagli adulti - si basa il progetto «Passato prossimo, futuro anteriore» promosso dall’Avis regionale siciliana e finanziato dalla «Fondazione con il Sud».
Il progetto, dalla durata di 12 mesi, è costato 60 mila euro ed è compartecipato dalla Fondazione per 55 mila euro, per 3 mila dall’Avis e 2 mila euro è il valore dell’impegno dei volontari. «In un momento storico in cui la società registra la seria difficoltà del rapporto tra adulto e giovane, della mancanza di dialogo, di linguaggi diversi tra generazioni, questo progetto vuole riprendersi il valore del “dialogo” - spiega Domenico Alfonzo, presidente regionale dell’Avis - e così tramite percorsi di formazione intergenerazionali rinsalderemo la “rete” e promuoveremo la donazione del sangue». In questi percorsi l’Avis ha scelto testimoni privilegiati: proprio i fondatori della rete Avis della Sicilia che ancora operano all’interno dell’associazione. Saranno proprio coloro che negli anni hanno visto crescere l’Avis e i suoi donatori che spiegheranno le “buone prassi” ai ragazzi. «Buone prassi significa anche comportamenti sociali, una maggiore propensione al volontariato, all’azione di valorizzazione della donazione di sangue, farne capire l’importanza già tra gli adolescenti, i ragazzi distratti da altri interessi» dice Antonella Fazio del coordinamento giovanile dell’Avis.
LA DIFFUSIONE DI UNA MAGGIORE COSCIENZA DEL VOLONTARIATO - «Tra gli obiettivi del progetto che interesserà 150 persone - spiega Alfonzo - c’è anche quello di rafforzare il ruolo politico del volontariato inteso come capacità di sviluppare e diffondere nella cittadinanza una coscienza politica sui problemi dei territori, con particolare riferimento ai problemi di salute delle persone più deboli».
L’AVIS IN SICILIA - Con la capillare ramificazione dell’Avis in Sicilia, il progetto interesserà tutte le nove province, con incontri territoriali ed un evento finale dove verranno presentati i risultati finali del progetto. L’Avis, oltre la sede regionale a Palermo, ha 8 sedi provinciali e 145 sedi comunali. I donatori in tutta l’isola sono 67.000. L’Avis in tutta la Sicilia opera in accordo con il Servizio Sanitario e le autorità sanitarie locali per raggiungere l’autosufficienza di sangue, emocomponenti e plasmaderivati, in condizioni di qualità e sicurezza sia per chi dona sia per chi riceve.

Dal Consiglio Nazionale UILDM un grido unanime contro i tagli previsti dalle manovre governative

A proposito delle ricadute sociali delle manovre varate ultimamente dal governo Berlusconi, ecco la presa di posizione della UILDM nazionale:

Dall’incontro, svoltosi il 1° ottobre, è emersa la profonda preoccupazione di tutti i rappresentanti dell’Associazione, in particolare dei Presidenti Provinciali, per le conseguenze che avranno per le persone con disabilità i provvedimenti del Governo in ambito di Politiche Sociali.
È quanto mai viva, all’interno dell’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM), la lotta per i diritti delle persone con disabilità. Come dimostrato con il sostegno offerto alle manifestazioni promosse da alcune Sezioni Provinciali dell’Associazione e a livello nazionale dalla FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap), per non cedere ai metodi e alle forme con cui il Governo tenta di gestire il delicato momento di crisi che stiamo attraversando, nella UILDM il livello di guardia rispetto ai provvedimenti in ambito di Politiche Sociali è altissimo. Fin d’ora, ma in particolare dal 2012, infatti, le conseguenze per le persone con disabilità derivanti dalle Manovre economiche di luglio e agosto si faranno sentire in modo drammaticamente concreto e reale.
«Non possiamo e non vogliamo aspettare quel momento per dare il nostro contributo alla mobilitazione, perché potrebbe essere veramente troppo tardi», fanno sapere alcuni dei Presidenti Provinciali UILDM che si sono riuniti a Pisa e hanno dedicato ampio spazio del loro consueto incontro al confronto su questo importantissimo tema. «Noi siamo lo specchio della UILDM sul territorio italiano e possiamo testimoniare che il disagio in questo senso è già molto sentito e sempre più diffuso. Per questo abbiamo deciso di alzare quanto più possibile la nostra voce, a nome e per conto di tutti coloro che in questo momento non sono in grado di farlo e che tra qualche mese saranno i primi a pagare le conseguenze di provvedimenti che violano i diritti umani, prima ancora di quelli civili».
Dopo l’approvazione della seconda Manovra economica, la previsione del Movimento delle Persone con Disabilità è che nei prossimi mesi, in Italia, il 25-30% delle persone si veda privato dei Servizi Sociali (servizi e prestazioni vari per bambini, persone anziane e con disabilità) di cui oggi si avvale, in particolare in conseguenza ai pesantissimi tagli agli enti locali.

Come segnalato anche nel sito nazionale www.uildm.org, a rendere la situazione ancora più difficile ricordiamo che si attende la discussione in Parlamento della questione legata alla delega che il Governo ha chiesto per la riforma assistenziale, al fine di realizzare entrate rapide e sicure. Con la spada di Damocle di questa iniziativa da un lato e il Fondo per le Politiche Sociali ridotto sempre più drasticamente e quello per la Non Autosufficienza azzerato dall’altro, la prospettiva per le persone con disabilità è che circa una su tre perda l’indennità di accompagnamento.
Chiediamo dunque a tutti i cittadini italiani di essere consapevoli di questa situazione e di prendere una posizione, sostenendo la mobilitazione odierna e quella futura in difesa dei diritti delle persone con disabilità nel nostro Paese.
Padova, 4 ottobre 2011
Alberto Fontana – Presidente Nazionale UILDM

mercoledì 5 ottobre 2011

Truck itinerante dell'Agenzia per i Giovani: "Volontari che cambiano il Mondo"

In occasione dell'Anno Europeo del Volontariato, l'Agenzia Nazionale per i Giovani insieme al Ministro della Gioventù ed in collaborazione con il Forum Nazionale dei Giovani ed il Ministero del Lavoro, ha organizzato un Truck itinerante del Volontariato «Volontari che cambiano il Mondo», finalizzato a promuovere il Volontariato in ogni sua forma e la partecipazione attiva dei giovani.
Il Truck, che è partito il 24 settembre da Catania e girerà tutta l'Italia, sarà un veicolo per trasmettere i seguenti obiettivi: promuovere la partecipazione e la cittadinanza attiva dei giovani; sviluppare la solidarietà; promuovere la tolleranza tra i giovani; favorire la conoscenza, la comprensione e l'integrazione culturale tra i giovani di paesi diversi.
Sarà inoltre uno strumento dove si potrà venire a conoscenza di novità importanti ed interessanti legate al mondo giovanile, attraverso attività di intrattenimento, informazione, confronto con gli operatori del settore e distribuzione di materiale informativo del Ministro della Gioventú e del Ministero del Lavoro.
Al fine di rendere il Truck uno strumento veramente attivo e in grado di offrire tutte le migliori proposte, iniziative ed attività legate al mondo giovanile, si sollecita la partecipazione all'iniziativa al fine di condividere le esperienze nell'ambito del Programma Gioventù in Azione, anche non riguardanti esclusivamente il Servizio di Volontariato Europeo. Chi fosse interessato, può compilare un modulo per indicare come vorrebbe partecipare al Truck, da rimandare alla casella mail gioventuinmovimento@agenziagiovani.it
Sarà un'occasione per condividere esperienze, conoscere, informarsi ulteriormente, socializzare e fare rete con altri operatori giovanili del settore al fine di intensificare e migliorare le misure tese a valorizzare il volontariato in Europa e la partecipazione attiva dei giovani.
Potete trovare maggiori informazioni sul contatto facebook con la pagina «Gioventù in Movimento» ad esso dedicato, Twitter
(@gioventuinmov) e Forsquare, create appositamente.
Per maggiori informazioni, visita il sito web dell'Agenzia Nazionale per i Giovani

martedì 4 ottobre 2011

Neava Onlus organizza un corso di formazione a Palermo

«Globalità e umanizzazione delle cure» viene presentato il 6 ottobre alle ore 15,30 nell'Aula Magna "Maurizio Vignola" dell'ospedale Cervello di Palermo. Il corso prevede incontri dal 6 al 21 ottobre e mette a disposizione anche la possibilità di acquisire crediti formativi.
All'incontro inaugurale intervengono: Salvatore Di Rosa, direttore generale Azienda osp. Villa Sofia-Cervello; Ferdinando Siringo, presidente del CeSVoP; Bartolo Maniscalco, presidente Neava; Vincenzo Borruso, opinionista; Salvatore Migliore, esperto politiche sanitarie; Maria Ricontati, psicologa.

Pieghevole con il programma completo

Verso le amministrative a Palermo. Nasce il cartello di associazioni "Palermo Più"

Si tratta di 13 associazioni della società civile palermitana che stanno dando vita al movimento politico Palermo Più. Finalità, natura e programmi della nuova formazione, presentata nel capoluogo siciliano lo scorso 1 ottobre, in questa intervista a Vito Restivo (ass. Voci Attive) realizzata dal quotidiano online SiciliaInformazioni.

lunedì 3 ottobre 2011

A Cardillo il mondo si colora. Corso base di pittura ad acquarello per bambini e ragazzi

L’associazione Imago e l’associazione Il nostro Quartiere organizzano un corso di pittura ad acquarello per bambini e ragazzi (dai cinque anni in su) presso la sede di Imago, via Costantino, 12 nel quartiere Cardillo a Palermo.
Il corso ha una durata complessiva di 5 incontri. Si parte da martedì 4 ottobre 2011 alle ore 17, durante i quali i ragazzi verranno introdotti dal pittore Marco Brucoli - coadiuvato dalle volontarie del Servizio Civile, Vanessa Fabio, Chiara Mazzola, Teresa Totaro e Paola Terruso - nel mondo della pittura. Ai ragazzi verranno forniti i materiali necessari all’espletamento del corso con un contributo di 10 euro e, al termine degli incontri, sarà rilasciato un attestato di partecipazione che certifica le competenze raggiunte. L’iniziativa ha come obiettivo specifico lo sviluppo della creatività dei partecipanti, garantendo la loro espressività e permettendo loro d’imparare divertendosi. Per informazioni e iscrizioni ci si può rivolgere a ass. Imago tf. 091/243714 - info@imagobiblioteca.it; ass. Il nostro Quartiere, Salvatore Alicata, tf. 3387646836 - ilnostroquartiere@alice.it

Nono Forum nazionale dell'ADOSItalia a Gela

Guarire dal tumore alla mammella oggi si può. Lo assicurano medici ed esperti senologi che si sono dati appuntamento al 9° Forum Nazionale AdosItalia. Ad ospitare quest’anno l’importante appuntamento con la prevenzione è stata la città di Gela con un convegno che si è tenuto presso l’auditorium dell’ospedale Vittorio Emanuele di Gela alla presenza della Presidente Nazionale AdosItalia Luisa Nemez che ha invitato le donne a «riprendere il cammino della vita interrotto con la malattia, perché oggi il tumore al seno è guaribile», ha detto. «E’ vero che l’incidenza è aumentata – ha proseguito – ma parallelamente si registrano più casi di guarigione. Fare prevenzione significa tracciare una diagnosi precoce della malattia». Il convegno è stato organizzato con il patrocinio del Comune di Gela e della Provincia Regionale di Caltanissetta, la collaborazione del CeSVoP e l’Asp 2 di Caltanissetta del direttore Paolo Cantaro che ha sottolineato, nel corso del suo intervento, «l’indispensabile ruolo del volontariato nel percorso di informazione alle donne che lottano contro il tumore al seno». «C’è più fiducia attorno alla scoperta – ha detto il senologo Giuseppe Di Martino. Le donne si avvicinano agli sportelli informazione perché vogliono fare prevenzione e ricevere informazioni». Una sala gremita di oltre 200 persone ha seguito i lavori del convegno da cui è emerso il ruolo fondamentale dell’approccio in campo sanitario tra medico e paziente indispensabile per affrontare la malattia. (andrea cassisi)

Nuovo numero del trimestrale regionale Mondo Solidale

La versione cartacea di Mondo Solidale - trimestrale dei tre CSV siciliani - è arrivata alla sua seconda uscita (n. 2 aprile-giugno 2011). Il numero è stato chiuso a fine settembre e affronta, fra l'altro, il tema delle carceri siciliane visto dai volontari. Poi tanti altri argomenti. In particolare, lo speciale sulla situazione giovanile. Se vuoi ricevere la rivista a casa gratuitamente, scrivi a comunicazione@cesvop.org.
Clicca sulla copertina e buona lettura.